lunedì 15 ottobre 2012

The Challenge #1: Ombretti in crema

Finalmente esco dalla cripta in cui mi ero seppellita in quest'ultima giorni, causa esame puro concentrato di matematica e statistica: finalmente sono riuscita a darlo, è andato bene ma soprattutto sono a quota meno uno e posso finalmente concentrarmi sulla tesi. Evvai, intravedo la luce!!

In quest'ultimo periodo, di conseguenza, il tempo per truccarmi era relativamente poco ed ho avuto modo di apprezzare la comodità degli ombretti in crema: sono un'ottima base, pertanto si può saltare lo step del primer, sono più pratici rispetto agli ombretti in polvere in quanto non si rischia fall out e non è necessario nemmeno l'uso del pennello, e in più, se son davvero dei buoni prodotti, dovrebbero durare sulla  palpebra all'infinito. Viste tutte queste caratteristiche mi chiedo perchè sia sempre stato un prodotto da me relativamente snobbato: adesso potrei avere milioni e milardi di ombretti in crema super fantastici, declinati in trilioni e triolioni di colori e invece i prodotti in mio possesso sono pochi, colori un pò anonimi e di marche low cost (non che low cost sia sinonimo di pessima qualità, però diciamo che mi sarebbe piaciuto provare anche prodotti un pò più professionali, tipo Mac e MUFE).
Intanto vi propongo un confronto tra gli ombretti cremosi presenti nel mio beauty che sono rispettivamente di ELF, Essence e Maybelline.


 
 
Inizio col presentarvi gli ombretti cremosi ELF della linea Studio, sui quali nutro ancora un pò di dubbi, nonostante sia quasi un anno che sono in mio possesso.
Partiamo dal packaging: di solito trovo abbastanza superfluo parlare del packaging ma questo, cavolo, è davvero scomodissimo! Devono aver sicuramente assoldato una troupe di ingegnieri aerospaziali per riuscire a creare un vasetto così diabolico: innanzittutto è ingombrantissimo e per il prodotto che contiene avrebbero potuto farci risparmiare un bel pò di posto e poi ha dei bordi altissimi e diventa praticamente impossibile prelevare il prodotto con le dita senza affondarci tutta l'unghia dentro (grrr...brividini lungo la schiena!!). Con il pennello l'operazione risulta più semplice ma, a causa della consistenza del prodotto, trovo che poi risulti peggiore la stesura. L'ombretto infatti non si presenta come una crema ma è più consistente, sembra quasi una polvere pressata: io pertanto preferisco di gran lunga l'applicazione con le dita poichè riscaldando il prodotto si ammorbidisce, si gesticono meglio i grumi che si formano e la resa è più omogeneo. La pigmentazione è eccellente e basta una sola passata: anzi è meglio fermarsi ad una sola passata perchè se si stratifica è inevitabile che si creino dei grumetti antiesteci e il prodotto va diritto nelle pieghette. Il finish è metalizzato e molto luminoso. La durata è sicuramente il punto forte di questi prodotti poichè non tendono a sbiadire nell'arco della giornata/serata, sia se usati come base sia se usati da soli. Io posseggo due colorazioni: Smoke, un nero grigio pigmentatissimo e molto luminoso che io amo abbinare con ombretti matt, e Dawn, un color talpa dorato molto caldo che da solo con un rossetto rosso è praticamente perfetto (la stesura di quest'ultimo è peggiore però rispetto al primo). Il prezzo è di 4.50 euro per 10 gr di prodotto e lo potete acquistare sul loro sito.


smoke
Dawn

E adesso invece parliamo di una grande delusione, l'ombretto in crema Stay All Day di Essence: beh il prezzo di questo prodotto non è per nulla elevato e ciò ha mitigato in parte lo sconforto, ma ne avevo sentito parlare talmente bene che ci sono davvero rimasta male. Questo ombretto unisce in sè tutte le caratteristiche che secondo me non dovrebbe avere un'ombretto in crema: è poco pigmentato, tende ad andare nelle pieghette, se non fermato con una polvere tende a svanire lasciando una costellazione anonima di glitter sulla mia palbebra, e soprattutto l'effetto non è metallizzato (come per esempio gli Chanel Illusion d'Ombre) ma è glitterato!! Ora dato che ho sentito tantissime ragazze parlarne bene, credo che fondalmente sia un problema o legato al mio singolo vasetto ( magari era stato gentilmente aperto da qualche unna mesi e mesi fa) o alla mia specifica colorazione: io ho acquistato Steel the Show, un argento con riflessi verde oliva. Non apprezzando per nulla l'uso di questo ombretto da solo, trovo che, abbinato con la palette Misty Green di Kiko della passata collezione Blooming Origami acquisti un pò di credibilità: lo uso come base e lo fisso con il verde matt al centro, veramente poco scrivente, e poi passo a sfumare con i colori più scuri. In questo modo stempero un pò i glitteroni, fisso il prodotto ma l'effetto finale rimane comunque più luminoso e anche la durata ci guadagna un minimo. Il prezzo è 3.29 euro.


steel the show
 
Prodotto che invece sto amando senza riserva alcuna, sono i Color Tattoo della Maybelline: io ho inizialmente acquistato la colorazione nera Timeless Black ed, essendomici trovata DIVINAMENTE, ho acquistato anche quella color tortora Permanent Taupe. Innanzitutto sono totalmente opachi (ebbene sì neanche l'ombra di un glitter!!), caratteristica difficile da reperire negli ombretti cremosi low cost e che li fa diventare dei competitors davvero pericolosi dei Paint Pot di Mac. La pigmentazione è veramente buona e  basta pochissimo prodotto per coprire tutta la palbebra: inoltre si sfumano benissimo e questo consente sia di sfruttarli per trucchi più leggeri il giorno sia per trucchi belli carichi la sera. In questo post vi avevo già anticipato che in quanto a durata erano persino più resistenti dell'emicrania post sbronza da birra: riconfermo il paragone ma aggiungo che se per questi basta un pò di acqua micellare per toglierli completamente, senza dover sfregare ore e ore, beh, per la seconda c'è invece veramente poco da fare se non imbottirsi di moment o oki. Il nero è fra i due quello che mi sta dando più soddisfazioni: se voglio esagerare riesco a creare degli smokey intensissimi senza rischio di trovarmi dopo due ore con la palbebra a chiazze o con la polvere dell'ombretto nero sparsa ovunque panda-style. Ma riesco ad utilizzarlo con sommo gaudio anche il giorno, sfumandolo molto bene e applicando nella piega il bel borgogna della palette Sensual Burgundy di Kiko (se sei così masochista da essere interessato alla recensione, la trovi qui). Il taupe invece mi piace usato da solo con una riga di eyeliner e con rossetti molto intensi (dark side di Mac è la sua morte!!). Il prezzo è 8.90 euro da Acqua e Sapone, un pò più alto dei precedenti ma comunque economico se si pensa alla qualità.


Timeless Black


Permanent taupe

Una grossa pecca di questi prodotti è il ristrettissimo range di colori arrivati in Italia: nero, taupe, azzurro e viola acceso. Vi avverto però che ultimente la gamma si è ampliata: si aggiungono Pink Gold, un rosa con glitter dorati e Metallic Pomenegrate (perchè non gli hanno lasciato il nome fighissimo della versione americana Pomenegrate Punk?!), un borgogna sempre shimmer. Quest'ultimo mi ispirava tantissimo ma ad un primo swatch mi è sembrato simile agli Essence: poco pigmentato e troppi glitter. Però ero di corsa e non ho potuto farmi un'idea chiarissima, se qualcuna lo avesse già provato mi faccia sapere se ho sbagliato e in realtà è l'ombretto più figo e pigmentato della storia. Per uno swatch molto più serio dei miei inutili vaneggiamenti vi rimando a questo blog Belletto! make-up and beauty blog, che io personalmente seguo con molto piacere e gestito da una ragazza carinissima: qui lo swatch dell'ombretto e qui tre looks creati con l'ombretto (uno più figo di quell'altro!!).

Bene e con questo concludo la mia rassegna di ombretti in crema. Come già detto trovo che sia davvero un tipo di prodotto comodissimo e in futuro (molto prossimo, oserei aggiungere) mi piacerebbe provare i famossimi Paint Pot di MAC e gli Acqua Cream di MUFE.
Voi avete prodotti questi prodotti? Quali sono assolutamente da provare?

Alla prossima

xxx




22 commenti:

  1. Ah ah io con gli ombretti in crema sono sfigatissima... tutti in tempo zero mi finiscono nelle pieghette... Gli unici che non ho ancora testato (ma sono in mio possesso) sono quelli della Maybelline.. dimmi che non vanno nelle pieghette senza primer... rendimi una persona felice!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha anche io sono sfigatissima con gli ombretti in generali!! a me nelle pieghette comunque non vanno e mi durano tantissimo! Se poi li provi fammi sapere come ti trovi :)

      Elimina
  2. Non ho mai provato quelli di Elf ma mi sono trovata bene con quelli Essence, che mi durano un sacco.
    I miei preferiti però sono quelli Maybelline, da quando sono arrivati in Italia li sto adorando e spero che continuino ad ampliare la collezione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io spero che arrivino altre colorazioni! Quelle uscite per la Vogue Fashion Night fantastiche *__*

      Elimina
  3. Risposte
    1. Anche io! Infatti non vedo l'ora di ampliare un pò la collezione :)

      Elimina
  4. Adoro gli ombretti in crema, quando si è di corsa sono una manna!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao bel nick!
    Belli i tuoi ombretti in crema! Ho letto il tuo commento sul mio post, in realtà il Pomenagrate l'ho trovato bello pigmentato...cmq più tardi posterò delle foto di trucchi realizzati con questo ombretto, così ti puoi fare un'idea!!!
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh l'ho visto dal tuo swatch! Allora aspetto i tuoi make up ^^

      Elimina
    2. Eccomi! che carina che sei!!!! ti mando un bacione e ti auguro una splendida settimana! *_*

      Elimina
    3. Grazie mille!! Buona settimana anche a te :D

      Elimina
  6. Smoke mi ispira un sacco ^^
    Complimenti per l'esame,statistica è tosta come materia :S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha grazie mille! In effetti è stato un bello scoglio

      Elimina
  7. io ho rubenesque come paintpot della mac ed è....BELLISSIMO!!! :)
    ti seguo!XD

    RispondiElimina
  8. Anche io ho uno stay all day e devo dire che malissimo non mi trovo...ho un colore molto scuro, un grigio elefante metallizzato (non ricordo il nome specifico) e non è male per dare quel tocco in più e non ha troppi glitter che io odio/amo, ma a questo punto credo sia il colore più che altro...I Color Tattoo sono molto interessanti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di essere riuscita a beccare l'unico colore sfigato!! via ritenterò con coppy right :D

      Elimina
  9. Secondo me i color tattoo non hanno niente da invidiare ai Paint pot, a parte il range di tonalità; ci vorrebbero proprio dei colori neutri. Infatti ti consiglio Painterly o Soft ocre (a seconda se hai dei toni caldi o freddi). Gli altri PP sono comunque ottimi, ma ormai esistono dei dupe più economici. Gli Aqua cream sono favolosi: secondo me vale la pena di investire nei numeri #1 e #2 per uno smokey eye velocissimo. Anche il bronzo e l'oro sono bellissimi, ma i color tattoo della stessa tonalità sono equivalenti e mooolto più economici :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maybelline ha ampliato la gamma inserendo anche un neutro con la nuova collezione dedicata alla Vogue Fashion Night ma prima che arrivino in Italia.. addio (e se ci arrivano!!). Grazie mille per i consigli, sono preziossimi!! In effetti per i Paint Pot puntavo proprio quei due e di MUFE mi ispirava proprio il bronzo *__* Grazie mille per essere passata :*

      Elimina
  10. l'altro giorno in negozio ho tentato di testare il maybelline ma era impossibile visto lo stato della confezione di prova, mi fido della tua valutazione domani vado e lo compro :)

    RispondiElimina